Morto Otto Warmbier: rilasciato dal regime di Pyongyang dopo trauma al cervello

20 Giugno, 2017, 09:48 | Autore: Alighiero Casassa
  • Lo studente statunitense rilasciato dalla Corea del Nord ha un grave danno cerebrale

È morto Otto Warmbier, lo studente americano di 22 anni liberato la settimana scorsa dalla Corea del Nord. Arrestato all'aeroporto di Pyongyang a gennaio del 2016, secondo il regime Nordcoreano aveva commesso un "crimine contro lo stato".

La famiglia di Otto Warmbier, lo studente statunitense tenuto 18 mesi prigioniero in Corea del Nord con l'accusa di atti ostili verso il loro paese (aveva cercato di rubare un poster del presidente Kim Jong-un) e rilasciato nel giugno 2017 in coma, ha dichiarato di non credere alla versione di Pyongyang sulle ragioni delle condizioni di salute del figlio. In realtà i medici dell'Ohio, dove vive la famiglia, hanno constatato gravi danni al cervello. Come ha riferito in serata la famiglia dello studente, "il terribile maltrattamento" subito dal ragazzo da parte dei nordcoreani "è stato tale da non permettere altro esito" se non la triste scomparsa di Warmbier. E avevano invece diagnosticato "danni cerebrali ingenti". Nei giorni scorsi alcuni media americani avevano parlato di colloqui segreti tra diplomatici americani e funzionari del regime nordcoreano a Pyongyang e in alcune città europee, sia per stabilire un canale e fermare i programmi nucleari e missilistici del Paese, sia per liberare i prigionieri Usa.