Casa » Sport

Calciomercato Milan, Fassone: 'Donnarumma alla Juve? Speriamo di no'

20 Giugno, 2017, 13:05 | Autore: Lucilla Lucia

Sul rapporto con Mirabelli, Raiola non si sbilancia: "Io parlo del Milan, poi Mirabelli è stato un esponente che ha condotto questo e quindi si prenderà le sue responsabilità". Abbiamo assistito al festeggiamento di Nicola a Crotone, ma di movimenti di mercato non ce ne sono stati. Il club ci ha fatto capire che, per come stanno le cose adesso, non è possibile ripartire con un giocatore in scadenza. Proprio durante il primo tempo della partita della Nazionale Under 21 italiana, Donnarumma è stato preso di mira: inizialmente è stato affisso alle sue spalle uno striscione con la scritta "Dollarumma", un chiaro riferimento alla voglia del calciatore di cercare un contratto meglio remunerato rispetto a quello del Milan. "Può sempre ripensarci, noi siamo pronti a riabbracciarlo". Sì, è un rischio importante. La bufera mediatica, la durissima contestazione dei tifosi (che gli hanno lanciato dollari finti in faccia), le minacce di morte come svelato da Raiola: Gigio non è sereno (c'è che lo racconta addirittura in lacrime) e sta seriamente prendendo in considerazione l'idea di fare un passo indietro. "Credo che le possibilità siano poche ma mai dire mai fino all'ultimo - ha detto l'amministratore delegato Fassone - i canali di comunicazione da parte nostra sono aperti". Se sarà giudicato per le sue qualità di sicuro non perderà l'anno, se invece ci sono altre situazioni che costringono l'allenatore a prendere certe decisioni allora forse lo perderà.

Il portiere ha reagito voltandosi con un mezzo sorriso. "Si doveva decidere il 13 giugno e noi abbiamo deciso".