Tornano gli IDAYS a Monza, quattro giorni di festa musicale

19 Giugno, 2017, 07:34 | Autore: Adone Liotta
  • I-Days 2017 il calendario dei concerti

Il concerto si terrà nel parco all'interno dell'Autodromo Nazionale di Monza e fa parte del festival iniziato giovedì 15. È andata più che bene, ieri.

Giornata conclusiva quest'oggi quella degli IDays 2017 che, anche quest'anno, hanno visto avvicendarsi sul palco di Monza nomi incredibili della scena musicale internazionale.

Headliner la formazione guidata da Billie Joe Armstrong che presenta il suo ultimo lavoro Revolution radio. Il secondo dei due, Martijn Gerard Garritsen altrimenti detto Martin Garrix, anche se su scala minore, sta seguendo a piede veloce i fasti di chi lo seguirà sul palco monzese, visto che, tanto per cominciare, a soli vent'anni ha già venduto oltre dieci milioni di album. "L'uso massiccio di facebook e degli altri social ci rende depressi, incapaci di comunicare sentimenti, e forse qualcuno che comanda ci vuole così, quindi liberiamoci, non diamogliela vinta!".

Alle 16.30 invece hanno avuto spazio alcune band italiane dal sound alternativo, gli Shandon infatti hanno preceduto i Tre Allegri Ragazzi Morti, seguiti a loro volta dai Rancid. Poi Karma Police per salutare davvero tutti e tornare a casa.

Per evitare di rimanere bloccati in macchina, è fortemente consigliato di raggiungere Monza con i mezzi pubblici (o con moto, bici etc...). Tanti, coscienziosi, si sono fermati al gazebo del progetto All inclusive - Inside di riduzione del rischio e del danno diAeris cooperativa sociale, per soffiare dentro una cannuccia e capire se il proprio tasso alcolico permettesse di mettersi alla guida oppure aspettare un po' di tempo o passare le chiavi a qualcun altro. La band inglese, che si è esibita alle 21.30, è stata preceduta dai Santa Margaret, dagli Ex-Otago, da Michael Kiwanka e da James Blake. Per gli appassionati del rock lo show non è ancora finito: agli I-Days di Monza arrivano anche Radiohead, Linkin Park e Justin Bieber. Tenuto conto dei timori e dei pericoli derivanti dalla nutrita presenza di spettatori in un unico luogo, non è stato tralasciato nulla: sono state previste meticolose operazioni di filtraggio, bonifica e controllo, nel rispetto di un target che resta quello della massima allerta.