Inchiesta Mose, Massimo Nicchiniello, tenente colonnello, arrestato a Siracusa

19 Giugno, 2017, 00:08 | Autore: Amata Cozzo
  • Corruzione arrestato a Siracusa il comandante della Tributaria della Guardia di finanza

È stato notificato a Siracusa, dove comanda dall'agosto 2016 il Nucleo di polizia tributaria di Siracusa, il provvedimento di custodia cautelare in carcere al tenente colonnello Massimo Nicchiniello, una delle 16 persone indagate nell'ambito della inchiesta Mose della Procura di Venezia legata alla concessione di denaro, doni in cambio di sconti nelle sanzioni per evasioni fiscali.

L'operazione nasce da una "costola" dell'indagine sullo scandalo Mose: nel corso delle intercettazioni sono emerse eccessive "pressioni" per la nomina di dirigenti dell'Agenzia delle entrate: gli approfondimenti hanno portato alla luce episodi di corruzione. Gli altri arrestati sono imprenditori appartenenti al gruppo Bison di Jesolo, specializzato in costruzioni; alla Cattolica Assicurazioni; alla società Baggio di Marghera, che opera nel ramo della logistica; e ad un noto produttore di prosciutto friulano, Pietro Schneider.

Le persone coinvolte sono: Elio Borrelli, Christian David e Massimo Esposito (Agenzia delle Entrate), due ufficiali della Guardia di Finanza, Vincenzo Corrado e Massimo Nicchinello, un giudice tributario della Commissione regionale, Cesare Rindone, due commercialisti di Treviso e Chioggia, Tiziana Mesirca e Augusto Sartore. A Siracusa è stata assicurata la continuità operativa del nucleo e la totale estraneità del Comando. Il Tenente Colonnello Massimo Nicchiniello ha frequentato l'Accademia della Guardia di Finanza nel 1993 ed è laureato in Giurisprudenza ed in Scienze Politiche.