Casa » Sport

Serie A, in vendita diritti tv streaming: Amazon sfida Telecom

20 Mag, 2017, 12:03 | Autore: Lucilla Lucia
  • Diritti tv, Antitrust e AgCom in coro:

"L'Autorità valuta con favore la scelta delle Linee Guida di valorizzare i diritti di trasmissione sulla piattaforma Internet che non sono più considerati 'accessori' rispetto alle piattaforme tradizionali".

Nella giornata di ieri sono state approvate dall'Antitrust e l'Agcom le linee guida, dopo che a gennaio furono bocciate.

L'idea è quella di creare una modalità di vendita che alimenti un confronto effettivo tra piattaforme, così da stimolare la competitività.

Si tratterebbe dunque di una modalità che consenterebbe al consumatore di scegliere tra più offerte in concorrenza tra loro senza dover sostenere maggiori costi, come sottoscrivendo abbonamenti. Il provvedimento, che ha avuto come relatore il commissario Antonio Martusciello, recepisce le osservazioni pervenute da parte degli operatori ed individua una serie di misure di cui la Lega Calcio dovrà tener conto in ciascuna delle diverse e distinte fasi delle procedure competitive, al fine di garantire il rispetto dei principi generali del decreto legislativo 9/2008 e assicurare la massima diffusione degli eventi sportivi sul più ampio numero di piattaforme. L'Antitrust per la concorrenza e l'AgCom per la televisione, vogliono che i big match della Serie A vadano anche sul web. In sostanza, perché trasmettere sul pc Chievo-Spal o un Crotone-Pescara mentre le pay-tv o digitale terrestre possono mandare Milan-Juve? .

In parole più semplici, bar o pizzerie non saranno costrette ad accettare i prezzi imposti dalla sola Sky, da Discovery, da Mediaset Premium o Netflix.

Quello che quindi si potrebbe prospettare è un vero e proprio cambiamento che porterebbe, appunto anche le piattaforme streaming a giocarsi la possibilità di assicurarsi i diritti delle partite del campionato di calcio di Serie A.

Non è da escludere a priori nemmeno la partecipazione di Vodafone, che da qualche tempo ha lanciato la sua Tv.

Il neo eletto presidente della FIGC ha messo, infatti, come punto all'ordine dell'assemblea anche l'invito a presentare le offerte per le dirette della partite a pagamento sul territorio italiano. La Lega di Serie A ha convocato l'assemblea al 25 maggio, in modo da definire il bando.

Amazon e Tim Vision in lizza?