Grecia alle corde, sciopero generale per nuovo piano di austerity

20 Mag, 2017, 07:06 | Autore: Alighiero Casassa
  • Atene lacrimogeni contro dimostranti

Prima della votazione la polizia ha lanciato candelotti lacrimogeni dopo che la manifestazione contro i tagli fuori del parlamento è diventata violenta, con il lancio di bottiglie molotov da parte di alcuni giovani incappucciati. Nelle sue richieste di sostanziale alleggerimento del debito, Atene affronta la resistenza dalla Germania, dove ulteriori concessioni sono impopolari con gli elettori che sono chiamati alle urne per le prossime elezioni politiche di settembre.

Il 22 maggio i ministri delle finanze dell'eurozona, a cui appartiene anche la Grecia, dovranno rivedere il pacchetto e considerare la possibilità di sbloccare la tranche di aiuti da 7,5 miliardi di euro necessaria per pagare i debiti ellenici in scadenza a luglio.

La Grecia torna in piazza contro le nuove misure di austerità che il Parlamento dovrebbe approvare domani.

Ancora lacrime e sangue per i cittadini greci, nonostante le tante promesse fatta dal premier Alexis Tsipras che aveva promesso un nuovo corso e perfino un Europa diversa, attirandosi le simpatie di molti progressisti europei, italiani in primis. L'esecutivo ha promesso misure parallele per aiutare i più poveri, che potrebbero essere facilitate se Atene supererà gli obiettivi di risparmio prefissati dal piano. Tra le misure approvate nuovi tagli alle pensioni e aumenti di tasse.

In cambio, la Grecia nello stesso periodo introdurrà misure di sostegno alla povertà, come le sovvenzioni sugli affitti e sulle medicine. Circa 12.000 persone hanno manifestato nei giorni scorsi ad Atene ed altre decine di migliaia nelle principali città, da Salonicco a Patrasso.