Casa » Sport

MotoGp, nel diluvio di Le Mans svetta Dovizioso: "Ho rischiato di cadere"

19 Mag, 2017, 22:50 | Autore: Lucilla Lucia
  • Moto: Lorenzo e Marquez, forza Hayden

I piloti della MotoGp quindi hanno avuto qualche difficoltà con le gomme da utilizzare.

Valentino Rossi spera che domani il meteo possa essere clemente con Le Mans, facendo arrivare il sole a splendere sulla giornata delle qualifiche del GP di Francia. Curiosamente il terzo posto di quella gara fu conquistato da Lorenzo. A fine gara il Dottore si avvicina all'americano e gli tende la mano.

Andrea Dovizioso è il più veloce di tutti nelle seconde libere del Gran Premio di Francia di MotoGP. La rabbia è tanta, il sogno di Hayden sembra frantumarsi per sempre, ma c'è un ultimo jolly da giocarsi. "Le Ducati hanno la possibilità di andare veloce qui perciò spero che la gara sia positiva, spero di continuare a divertirmi in sella". Il pesarese non vince una gara dal Gran premio di Barcellona dell'anno scorso (15 gare fa), ma il circuito di Le Mans è una pista gradita.

- Il circuito di Le Mans è denominato Stop-and-go a causa della successione di forti accelerazioni da bassa velocità seguite da grandi frenate. Bisognava fare un po' di giri in più con le gomme, perché queste gomme sono piuttosto dure e con questo clima freddo ci voleva un po' per portarle a temperatura.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. Da allora permane l'attuale layout, che vede una "lingua" d'asfalto lunga 4.185 metri, caratterizzata da 14 curve di cui 9 a destra e 5 a sinistra, con un rettilineo di circa 674 metri a "spezzare le pieghe". Negli anni passati, parecchi costruttori hanno dimostrato di ben gradire la pista transalpina, anche se Yamaha negli ultimi lustri ha meglio figurato rispetto ad Honda e Ducati.