Generali sotto pressione in borsa dopo la trimestrale

12 Mag, 2017, 07:04 | Autore: Sofia Staffieri
  • Assicurazioni Generali asset management nuova strategia di business per creare valore

Generali ha archiviato il primo trimestre dell'anno con utile netto in flessione del 9% a 535 milioni di euro (consensus Bloomberg a 603,4 milioni) e un risultato operativo che ha invece evidenziato una crescita del 4,2% a 1,21 miliardi di euro.

I premi complessivi del gruppo sono calati del 2,5% a 19.235 milioni.

"In un quadro di persistente volatilità dei mercati finanziari e di bassi tassi di interesse, e in presenza di eventi catastrofali assenti lo scorso anno, le Generali hanno continuato a portare avanti una gestione disciplinata ed efficace del proprio core business, con ulteriore generazione di valore che si riflette in ottimi risultati e performance tecniche tra le migliori del settore, con un operating Roe al 13,6%, nuovamente in linea con il target", afferma il cfo di Generali, Luigi Lubelli. Per quanto riguarda la posizione di capitale, il Regulatory Solvency Ratio si e' attestato a 178% e l'Economic Solvency Ratio a 195%. A determinare la flessione dell'utile sono state tutte le svalutazioni effettuate (con riferimento ad Alitalia) nei primi 3 mesi del 2017 che hanno pesato per 42 milioni, ma anche il maggior impatto della fiscalità.

Il gruppo ha annunciato una nuova strategia per trasformare il business dell'asset management con cui mira a raggiungere entro il 2020 un risultato netto di 300 milioni l'anno per la divisione di asset management e di 500 miliardi di asset gestiti, incrementando di 150 milioni l'utile netto di gruppo. Non solo trimestrale Generali, ma anche un rinnovamento che dovrebbe ridurre il rapporto costi/ricavi al 55% almeno entro il 2020. Il primo passo sarà la creazione di una nuova piattaforma sui real asset e di gestione attiva. La nuova strategia, "creerà la più grande piattaforma multi-boutique in Europa fra gli asset manager assicurativi".

Per riuscirvi Tim Ryan e il suo team faranno leva su due pilastri: accresceranno le competenze del gruppo e offriranno nuove soluzioni di investimento su misura per le aziende europee e prodotti di risparmio per i clienti privati.