Tiziano Motti "Eni: utile primo trimestre 965 milioni"

11 Mag, 2017, 23:36 | Autore: Sofia Staffieri
  • Eni impiegati 21 mld nel Paese nei prossimi quattro anni

Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all'uso delle informazioni ivi riportate. Fattori positivi che, però, sono stati parzialmente compensati dalle fermate produttive programmate e non, in particolare in Nigeria, Stati Uniti e Libia, dai tagli produttivi decisi dall'Opec e dal declino di giacimenti maturi. L' utile netto adjusted è pari a 744 milioni (da 2 milioni) e l' utile operativo adjusted si attesta a 1,83 miliardi, con un +215% dal primo trimestre 2016. L'indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2017 è pari a 14,93 miliardi, sostanzialmente in linea rispetto al 2016 (+0,155 miliardi rispetto al 31 dicembre 2016). "Sono in corso azioni per ridurre la durata di tale interruzione".

Il settore ha chiuso il trimestre con l'utile netto adjusted di 210 milioni di euro in miglioramento del 28% rispetto al primo trimestre 2016. Nel trimestre l'utile operativo adjusted consolidato di 1,83 miliardi ha triplicato il valore del primo trimestre 2016 e il risultato netto adjusted di 740 miliardi rappresenta la migliore performance trimestrale degli ultimi due anni. "L'utile adjusted di circa 750 milioni di euro era di circa 460 milioni di euro (+60%) nel quarto trimestre dello scorso anno, quando i prezzi erano già risaliti a valori vicini agli attuali, ed era zero nel primo trimestre 2016, caratterizzato da uno scenario prezzi depresso". E' quanto sottolinea l'amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, commentando i risultati dei primi tre mesi del 2017. "Questi risultati sono frutto dei continui progressi industriali conseguiti in tutti i business, in linea ccon gli obiettivi dichiarati per il 2017 che restano tutti confermati". "I risultati industriali saranno inoltre accompagnati dalle cessioni già firmate - aggiunge Descalzi - con particolare riferimento agli asset esplorativi in Egitto ed in Mozambico, il cui completamento atteso entro l'anno contribuirà a rafforzare ulteriormente la struttura patrimoniale senza intaccare le nostre prospettive di crescita". Nel comunicato stampa di Eni si può anche leggere che la generazione di cassa organica e gli incassi da dismissioni dovrebbero permettere ad Eni di coprire in modo integrale gli investimenti e i dividendi del 2017 a un livello di prezzo del Brent considerato al di sotto di quello presente.