Casa » Sport

MotoGP Jerez Valentino Rossi "Avevo vibrazioni sull'anteriore"

08 Mag, 2017, 07:13 | Autore: Lucilla Lucia
  • MotoGP gara e prove Spagna streaming liv

"Perdevo tanto in accelerazione, la gomma slittava e abbiamo provato a modificare il bilanciamento della moto per cercare di limitare il consumo dello pneumatico - continua - Non solo non abbiamo risolto niente, ma ho perso anche fiducia nell'anteriore. Stiamo capendo come lavorare con questa moto e sono sicuro che saremo capaci di trovare quello che stiamo cercando". "E' stato positivo arrivare alla fine, ma per l'intero e' team e' stato un fine settimana complicato". Ritorna una certa nostalgia della Yamaha M1 2016.

Già ieri Valentino aveva spiegato come le gomme siano l'ago della bilancia del campionato. Il mondiale? Siamo tutti molto vicini, l'unica cosa positiva è che sono rimasto in testa.

Ne sa qualcosa il suo compagno di squadra Maverick Vinales, anche lui non particolarmente veloce (ha chiuso sesto a poco meno di un secondo), ma soprattutto tratto in inganno dall'asfalto umido a tal punto da finire per terra alla curva 9.

"Quest'anno Pedrosa è molto in forma e io l'ho sempre messo tra i candidati per il titolo".

Fortunatamente per la Yamaha domani, sempre a Jerez, sono previste nove ore di test in pista, dalle 9 alle 18, che potranno aiutare a fare luce sull'accaduto e preparare al meglio il prossimo weekend di gara, a Le Mans, dove - di fatto - si ripartirà praticamente da zero. Non c'è motivo di lanciare allarmi, però, e non solo perché i precedenti delle ultime gare sono più che rassicuranti.

"E' stata una gara molto difficile al termine di un weekend molto difficile".

Il Gran Premio di Spagna a Jerez è stato probabilmente il più duro per Valentino Rossi da quando è tornato in Yamaha, forse uno dei più duri dell'intera carriera. Le prove libere apriranno il weekend in pista nella giornata di venerdì 5, mentre sabato 6 sarà il turno delle qualifiche: alle 12.35 quelle della Moto3, alle 14.10 quelle della MotoGP e alle 15.05 quelle della Moto2.

"La gara peggiore è stata ad Austin perché sono caduto, qui almeno ho preso 10 punti - sospira - Nel warm up mi ero sentito veramente bene, partivo per lottare per la vittoria". In gara poi ho avuto problemi all'anteriore fin dal primo giro.