Precipita un aereo militare russo. Era diretto in Siria, 91 a bordo

26 Dicembre, 2016, 06:55 | Autore: Sofia Staffieri

"La zone della catastrofe è stata individuata e non risulta alcun sopravvissuto", ha informato il ministero della Difesa di Mosca.

E' stato lo stesso ministero della Difesa russo a comunicare il ritrovamento, da parte dei soccorritori, di frammenti del velivolo nelle acque del mare.

Il velivolo, un Tu-154, era decollato da Sochi, sulle coste orientali (poco lontano dal confine georgiano) ed è scomparso dai radar circa venti minuti dopo aver lasciato la pista.

Mosca è fortemente impegnata nella campagna militare contro i ribelli e a sostegno del regime di Bashar al Assad e l'aereo portava militari da impiegare nelle operazioni belliche ma a bordo c'era anche una leggenda della storia dell'Unione Sovietica: c'erano oltre 60 componenti del celebre Coro dell'Armata Rossa.

Tra le 92 persone a bordo otto membri dell'equipaggio, 9 giornalisti, il responsabile del dipartimento culturale del ministero della Difesa Anton Gubankov, 8 militari e due funzionari civili e Elizaveta Glinka responsabile di un'associazione di beneficenza molto nota in Russia. Si tratta degli inviati dei canali Ntv, Channel One e Zvezda. Non si conoscono ancora le cause di quello che è successo: dalle prime informazioni sembra che le condizioni del tempo non fossero problematiche. Rottami sono stati trovati al largo a circa un chilometro e mezzo dalla costa di Sochi. Secondo il vicepresidente della commissione parlamentare sulla politica economica, Serghiei Kalachnikov, questo non vuol dire che il velivolo non funzionasse bene.

Il presidente Vladimir Putin ha nominato il Primo Ministro Dmitri Medvedev come capo per le indagini sull'incidente.