GB, vegani in guerra contro le banconote: contengono grasso animale

02 Dicembre, 2016, 10:03 | Autore: Luciano Vano
  • Guarda la versione ingrandita di Vegani contro banconote in Inghilterra “Tracce di grasso animale”

La Banca ha ammesso lunedì su Twitter che vi sono "tracce di sego nei granuli dei polimeri" usati per le banconote.

Vegani contro la Banca d'Inghilterra: le nuove banconote da 5 sterline contengono grasso animale.

La banconota, entrata in circolazione da poche settimane col volto di Winston Churchill in bella mostra sul retro, infatti ha scatenato le ire di numerosi associazioni vegan dopo la scoperta che sulla superficie della banconota c'è un derivato di sostanze animali.

A fare arrabbiare i vegani - che rifiutano l'uso di prodotti animali e loro derivati - è la presenza nelle nuove banconote di tracce di sego, grasso animale presente negli additivi aggiunti in piccole quantità alle plastiche per agevolare i processi di estrusione film, come stabilizzanti, scivolanti, agenti antistatici e altri coadiuvanti di processo.

"Le nuove banconote da £5 contengono grassi animali sotto forma di sego". Attualmente ha già superato le 5,000 firme. Secondo la Banca d'Inghilterra sono più sicure e resistenti, tanto da poter superare indenni un accidentale lavaggio in lavatrice, compresa la centrifuga.

Quella che potrebbe sembrare una innocua banconota creata per contrastare i falsari, da giorni è al centro di un furibonda polemica nel Regno Unito. Questo è inaccettabile per milioni di vegani e vegetariani nel Regno Unito. Per esattezza sottoprodotti animali che si trovano in molti oggetti che fanno parte della nostra vita quotidiana, dalle carte di credito alle mattie, dalla colla al sapone. Anche nel prossimo anno sono previste nuove banconote.

La Banca Centrale d'Inghilterra prevede di mettere in circolazione le nuove banconote da 10 e 20 sterline entro il 2020.