Pescara, visita di Renzi e attestato agli studenti: è bufera

11 Novembre, 2016, 23:09 | Autore: Minervina Schirripa

E anche provare a presentare l'attestato di partecipazione per ottenere, se il vostro istituto lo riterrà opportuno, un credito scolastico.

Giovedì 10 novembre alle ore 18.00, presso il Teatro Circus di Pescara, si aprirà la XIV edizione del Festival delle Letterature di Pescara con l'intervista da parte di Luca Sofri al Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Sulle scuole, oltre che con studenti, docenti e amministratori, Renzi ha avuto parole anche per i docenti trasferiti in altre regioni dopo l'ultimo concorso, promettendo che anche questo problema sarà presto risolto.

"Un'inaccettabile forzatura che si invitino le scuole a partecipare all'apertura del Festival delle letterature dell'Adriatico oggi a Pescara che prevede un'intervista al premier Matteo Renzi".

Alcune scuole, come l'Istituto tecnico Tino Acerbo di Pescara, hanno pubblicato l'invito dell'Ufficio Regionale sul proprio sito internet. "Si invitano, pertanto, le SS.LL. a dare massima diffusione dell'iniziativa tra gli studenti e i docenti e si comunica che, in considerazione dell'impegno in orario extracurricolare, ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di presenza", si legge nella comunicazione diramata dall'Usr Abruzzo e pubblicata sulla bacheca online dell'Istituto scolastico. La preside Annateresa Rocchi difende la scuola dalle "strumentalizzazioni politiche e ideologiche" e invita "a non offenderla". Tra un selfie e l'altro, particolare attenzione, all'arrivo all'Aurum, il premier ha rivolto al villaggio della comunicazione allestito dal Corecom presieduto da Filippo Lucci, informandosi sulla realizzazione di droni e robot realizzati da startup tutte abruzzesi. Racconta: "Tutte le scuole hanno ricevuto questo invito dell'Ufficio scolastico regionale a sensibilizzare gli studenti a partecipare all'intervista. Un'evidente ingerenza visto che siamo in piena campagna elettorale per il referendum costituzionale". Con tanti genitori indignati per l'accaduto.

E l'Ufficio scolastico regionale?

Intanto, il direttore Ernesto Pellecchia - scrive ancora il Corriere della Sera - ha avviato accertamenti per capire chi ha inviato la comunicazione ma soprattutto sul perché si sia pensato di fare riferimento all'attestato di partecipazione. "Ritengo molto strano che si possa dare un attestato per questo tipo di iniziative, non ne ricorrono le condizioni", spiega al telefono mentre sta raggiungendo Pescara, dove il premier inaugura una scuola media alle 15.

"Io ho un metodo diverso: dico sempre quello che voglio fare, quale è la mia idea migliore - ha spiegato ancora Renzi - sono queste le differenze dei due schieramenti referendari: il Sì ha un'idea di Paese che può anche non piacere o essere antipatica, il No non ha un'idea condivisa su come riformare l'Italia".