Casa » Sport

Totti: Roma, Juve più forte e competitiva. Gap da ridurre

09 Luglio, 2016, 14:23 | Autore: Lucilla Lucia
  • Totti-Spalletti pace fatta

Venticinquesimo ritiro consecutivo per Francesco Totti con la maglia della Roma. Il capitano della Roma ha voluto parlare delle proprie emozioni ai microfoni di 'Roma Channel'.

In primis grande orgoglio per questo importante obiettivo personale raggiunto: "E' motivo di grande orgoglio per me cominciare con questa maglia il 25esimo ritiro della mia carriera, è una cosa che ho sempre voluto fortemente. Se mi guardo indietro vedo tante cose belle, tanti trofei vinti, spero di poterne aggiungere qualcuno".

"Quando Spalletti valuterà di avere bisogno di me io ci sarò come ho sempre fatto".

RITIRO CON SPALLETTI - "So a cosa andiamo incontro, è una preparazione differente. C'è allegria, dialogo, si lavora con molta serenità", ha poi aggiunto. "Ti fa faticare il giusto".

LE LUCCIOLE DI MEXES - "A Brunico, sempre con Spalletti, la sera dopo gli allenamenti eravamo al bar con Mexes, Menez, Cassetti, Vucinic e i fisioterapisti - ricorda Totti -. Aveva tutta la bocca fosforescente".

STROOTMAN - "E' un rinforzo". Non è stato con noi per un paio d'anni per i due infortuni al ginocchio, è un giocatore fondamentale perché è un leader sia in campo che fuori, un trascinatore. "Non vuole mai perdere, ci darà tanto". "Può darci tanto e sicuramente sarà così". E, quando parli, speri sempre di ottenere il massimo, ma sappiamo che è dura perché di fronte a noi c'è un avversario più competitivo e forte, cioè la Juventus. "Lo ha dimostrato in questi ultimi cinque anni, ma spero che Spalletti e la società riescano veramente a diminuire il gap per poter ambire ad uno dei trofei più importanti che c'è". "Ormai sono grandi e vaccinati, però il consiglio è portare rispetto ai giocatori più grandi". Prima un giocatore a 16-17 anni chiedeva il permesso per entrare nello spogliatoio. "Comunque i nostri sono ragazzi educati, quando c'è il rispetto nei confronti dei più grandi si riescono a fare grandi cose".

Giudizio positivo del capitano sulla nuova maglia della Nike. Io ho avuto la possibilità e la fortuna di indossarla per 25 anni di seguito.

"SCENDO IN CAMPO" - "Ai tifosi dico poco. Ne ho cambiate tantissime di magliette e colori, ma qui si ritorna al vecchio stile, mi gratifica e sono orgoglioso di questo".