Microsoft paga 10.000 $ ad una donna per Windows 10

28 Giugno, 2016, 21:32 | Autore: Luciano Vano
  • Passare a Windows 10 costerà 119 dollari

La società diretta da Satya Nadella, ha negato l'accusa mossa dall'imprenditore ed ha diffuso anche un nuovo tutorial che spiega come disabilitare l'aggiornamento automatico.

Una correzione in extremis (l'offerta terminerà il 29 luglio prossimo) quella introdotta da Microsoft al meccanismo per l'upgrade gratuito a Windows 10 al fine di contenere gli effetti negativi del precedente sistema, in primo luogo sul piano dell'immagine e del rapporto di fiducia con l'utenza. E così è successo anche a Teri Goldstein, la titolare di un'agenzia viaggi a Sausalito, in California. Goldstein ha citato in giudizio Microsoft affermando che Windows 10 si è automaticamente installato sul suo pc, senza permesso.

Secondo le informazioni rese note dal Bluetooth SIG, infatti, Microsoft avrebbe richiesto la certificazione per l'aggiornamento del protocollo AVRCP - che sta per Audio, Video Remote Control Profile - sul suo nuovo OS, che con la versione 1.4 permetterà di muoversi ed interagire con più player, usare una migliorata funzione di ricerca, con la sincronizzazione del volume di sistema, la gestione di metadati e della playlist in riproduzione.

Il giudice ha dato ragione alla donna condannando Microsoft a pagare la somma di 10.000 dollari, sebbene le perdite della Goldstein ammontassero a circa 17.000 dollari. L'utente dovrebbe comunque avere la possibilità di aggiornare manualmente a Windows 10 utilizzando ad esempio il Media Creation Tool (vedere Cambia la modalità di aggiornamento a Windows 10). Lo scorso mese, la donna ha vinto la causa e Microsoft deve rimborsarle 10.000 dollari.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.